NOTIZIE – ECONOMIA

28 novembre 2016

Settore costruzioni in Europa. Euroconstruct: continua la crescita tra dubbi e rallentamenti

Lo afferma in sintesi la 82.a Conferenza Euroconstruct tenutasi il 25 novembre a Barcellona. Previsioni al rialzo solo per l'edilizia residenziale



Il network europeo degli analisti del mercato delle costruzioni, per l’Italia il Cresme, si è ritrovato il 25 novembre a Barcellona. Tutti d’accordo gli esperti nell’affermare che “il settore delle costruzioni in Europa continuerà a crescere nonostante dubbi e rallentamenti”.

La precedente Conferenza Euroconstruct si era tenuta a Dublino pochi giorni prima del referendum nel Regno Unito. Così Barcellona è stata la prima occasione per valutarne le ripercussioni sul settore europeo delle costruzioni. Forse Brexit non ha ancora provocato un disastro diretto sull'economia europea, ma ha abbassato le aspettative di medio termine, ovviamente in combinazione con una lunga lista di altri fattori: la Cina rallenta, la Germania rallenta, l'incertezza regna negli Stati Uniti, in Europa le banche non sono ancora fuori dai guai, i tassi di interesse sono destinati ad aumentare. Dal momento che il settore delle costruzioni è fortemente influenzato dalle prospettive di medio termine, non sorprende che le nuove previsioni sono meno ottimiste rispetto a quella pubblicate un anno e mezzo fa.

La nuova stima per la produzione del settore costruzioni nei paesi Euroconstruct nel 2016 è del 2%, sei decimi di punto in meno rispetto alla previsione dello scorso giugno. Ma il vero problema è che dietro quella media europea che sembra da buona salute ci sono troppe eccezioni: la mancanza di crescita dell’ingegneria civile e la mancanza di crescita in sei paesi (Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e con uno stretto margine, anche il Regno Unito).

Il prossimo 2017 inizierà senza incoraggianti aspettative economiche (solo una crescita del PIL dell'1,4%), ma il settore delle costruzioni ha il potenziale per crescere un po’ di più (2,1%). C'è un'interessante finestra di opportunità creata da una combinazione di credito a basso costo e una percezione più favorevole delle costruzioni quali investimento rifugio. Tuttavia, questa opportunità può essere effimera, e non un driver di lungo termine.

Il fattore chiave per rafforzare il settore delle costruzioni è la richiesta del pubblico, che Euroconstruct si aspetta in crescita, ma solo marginalmente e in alcuni paesi. Su questi deboli presupposti la crescita prevista per il 2018 e il 2019 è compresa tra 2,1 e 2,2%. Tuttavia, se la previsione diventerà realtà, il settore europeo delle costruzioni raggiungerà il 2019 con una crescita ininterrotta per sei anni di fila. 

Prestazioni per nazioni

L'aumento della produzione di costruzioni nel 2016 verrà in gran parte dalla Germania. Ma la spinta tedesca comincerà presto a svanire: il paese scenderà alla seconda posizione nel 2017 e nel 2018 scompare dalla lista dei paesi top. Così lascerà il posto da protagonista alla Francia per tutto il periodo di previsione. L'Italia ha un ruolo importante mantenendo la 3 ° o la 4 ° posizione ogni anno; e pure i Paesi Bassi anche, che oscillano tra il 3 ° e 5°. Il Regno Unito non sarà tra i paesi contributori principali durante il biennio 2016-2017 ma rientrerà nella lista nel 2018. Diventa il secondo contributore nel 2019, con quasi le stesse prestazioni della Francia.

Edilizia residenziale

È l'unico settore che è stato rivisto al rialzo e comprende un sostanziale miglioramento sulle stime per il 2016 (3,9%). La costruzione di nuovi alloggi, in particolare, sta sostenendo il recupero di tutto il settore europeo delle costruzioni. Spagna e Italia stanno ancora producendo ben al di sotto delle rispettive medie, ma la Francia, la Germania e anche il Regno Unito stanno tornando alla loro “zona di comfort”.

La produzione sta migliorando anche in altri paesi più piccoli, spesso perché la domanda si è risvegliata e ha trovato poche abitazioni in offerta a causa della bassa produzione degli ultimi anni. Il credito non può rimanere a lungo così favorevole come lo è oggi. Quindi la tendenza per il biennio 2018-2019 è prudente, stimata in circa il 2%.

Edilizia non residenziale

È ancora in una fase molto precoce nel suo processo di recupero, dal momento che la componente dei nuovi edifici è andata diminuendo fino al 2016. Pertanto, l’attuale indebolimento delle prospettive economiche giunge in un momento molto scomodo, raffreddando ulteriormente una domanda già debole nelle industriali e terziarie. Euroconstruct non si aspetta cambiamenti rapidi, quindi di crescita per 2016-2017 sarà di circa 1,5%, e 1,8% per il 2018-2019. Le costruzioni per uffici saranno un po' sopra queste medie, dal momento che si proviene da un periodo di forte contrazione. È preoccupante vedere che le costruzioni industriali e logistiche sono previste al di sotto della media non residenziale, che è un segno di basse aspettative dalla domanda (interna, europea, in tutto il mondo).

Il Regno Unito ha subito un indebolimento nel suo segmento non residenziale, e le aspettative di crescita previste prima del referendum sono in dissolvenza. Le costruzioni non residenziali in Germania confermano le tendenze al ribasso, in un contesto di cautela negli investimenti. I cattivi risultati in questi due mercati chiave non possono essere pienamente compensati dal miglioramento dei mercati come i Paesi Bassi, Belgio e Danimarca.

(eb)

PhotoGallery

×