Per recuperare la password Recupera password
  • Testo più grande
  • Testo più piccolo
  • pdf
  • Imvia
  • stampa

50%. Ristrutturazioni e detrazioni fiscali. La Guida dell’Agenzia

08.09.2012
50%. Ristrutturazioni e detrazioni fiscali. La Guida dell’Agenzia

La detrazione fiscale del 50% per le ristrutturazioni edilizie (in luogo del vecchio 36%) è diventata legge dello Stato da meno di un mese e l’Agenzia delle Entrate ha già provveduto ad aggiornare la Guida “Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali”. La nuova edizione sostituisce quella precedente pubblicata a febbraio 2011 e diventata obsoleta a causa delle importanti novità sopravvenute nel frattempo.

Ricordiamo che il provvedimento relativo al "50%" è contenuto nel Decreto Legge n. 83/2012 convertito nella legge 7 agosto 2012, n. 134 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’11 agosto 2012 ed entrata in vigore il giorno successivo. La detrazione tuttavia, essendo contenuta nel Decreto legge del 22 giugno 2012, è valida dal 26 giugno 2012, data della sua entrata in vigore.

La Guida fiscale, illustrando modalità e adempimenti, da anni rappresenta per cittadini e operatori dell’edilizia un utilissimo strumento di orientamento al fine di richiedere correttamente il beneficio fiscale nella non sempre facile materia delle detrazioni fiscali in edilizia.

La nuova versione, che consta di 30 pagine, tiene anzitutto conto delle importanti novità introdotte dal Governo riassumibili nei punti:
- innalzamento dell’aliquota di agevolazione Irpef dal 36% al 50%;
- innalzamento dei massimali di spesa ammissibile da 48 mila a 96 mila euro per unità immobiliare.

E’ bene ricordare che queste agevolazioni sono valide solo fino al 30 giugno 2013 dopodiché si tornerà, se non interverranno modifiche al vecchio 36%.


Ma c’è di più. La Guida ha anche il merito di tener conto delle numerose modifiche in materia intervenute dal momento della pubblicazione della precedente edizione. Ad esempio, ricordano gli estensori nell’introduzione, dal 1° gennaio 2012, la detrazione fiscale sulle ristrutturazioni edilizie non ha più scadenza essendo stata stabilizzata e resa permanente dal decreto legge n. 201/2011 (art. 4) che ha previsto il suo inserimento tra gli oneri detraibili ai fini Irpef.

Ma ci sono altre novità importanti introdotte nell'ultimo periodo come:
-l’abolizione dell’obbligo di invio della comunicazione di inizio lavori al Centro operativo di Pescara;
-la riduzione della percentuale (dal 10 al 4%) della ritenuta d’acconto sui bonifici che banche e Poste hanno l’obbligo di operare;
- l’eliminazione dell’obbligo di indicare il costo della manodopera, in maniera distinta, nella fattura emessa dall’impresa che esegue i lavori;
-la facoltà riconosciuta al venditore, nel caso in cui l’unità immobiliare sulla quale sono stati eseguiti i lavori sia ceduta prima che sia trascorso l’intero periodo di godimento della detrazione, di scegliere se continuare a usufruire delle detrazioni non ancora utilizzate o trasferire il diritto all’acquirente (persona fisica) dell’immobile;
- l’obbligo per tutti i contribuenti di ripartire l’importo detraibile in 10 quote annuali; dal 2012 non è più prevista per i contribuenti di 75 e 80 anni la possibilità di ripartire la detrazione, rispettivamente, in 5 o 3 quote annuali;
- l’estensione dell’agevolazione agli interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza. (eb)

L'Agenzia delle Entrate ha anche provveduto ad aggiornare la Guida fiscale "“Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico” (detrazioni 55%) clicca qui

In allegato la Guida dell’Agenzia delle Entrate

Parole chiave

commenti (0)

Per lasciare un commento registrati a GuidaFinestra.it. Se sei già un utente effettua il login.

Per recuperare la password Recupera password
guidafinestra.it is a trademark of DBInformation Spa P.IVA 09293820156
Questo sito è un prodotto editoriale aggiornato in modo non periodico, pertanto non è soggetto agli obblighi di registrazione di cui all'art. 5 della L. 47/1948