Per recuperare la password Recupera password
  • Testo più grande
  • Testo più piccolo
  • pdf
  • Imvia
  • stampa

55%. Enea e detrazioni fiscali. Rivista la FAQ 43 sui lavori a cavallo tra un anno e l’altro

29.01.2011
55%. Enea e detrazioni fiscali. Rivista la FAQ 43 sui lavori a cavallo tra un anno e l’altro







Enea ha leggermente ritoccato la FAQ 43(Domande e risposte) all’interno del proprio sito dedicato alle informazioni sulle detrazioni fiscali del 55% (clicca qui per ulteriori informazioni) per professionisti, operatori dell’edilizia e consumatori finali

La FAQ 43 riguarda i lavori di risparmio energetico eseguiti a cavallo di due anni e le procedure da seguire per porre in detrazione il 55% delle spese effettuate. La modifica introdotta dai tecnici di Enea riguarda l’attestazione di proseguimento lavori oltre il periodo di imposta (ovvero oltre l’anno di inizio) che è stata resa obbligatoria lo scorso anno per questo tipo di interventi.
In pratica la dichiarazione che i lavori non sono stati ultimati entro l’anno di inizio può essere sostituita dalla comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate.

Ricordiamo che chi compie lavori di efficienza energetica (sostituzione di infissi, caldaie ecc) a cavallo di due anni (e ha eseguito almeno un pagamento nel corso del primo anno di lavori) deve inviare comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate (vedi pagina ad hoc del sito AdE) entro il 31 marzo.

Per di più da quest’anno sono mutate le regole per il periodo di detrazione che non è più di 5 anni ma di 10. Quindi chi ha eseguito lavori nel 2010 e nel 2011 porrà in detrazione in 5 anni  le spese sostenute nel 2010 e in 10 quelle sostenute nel 2011.

Ecco qui sotto la FAQ 43 in versione integrale con l'evidenziazione delle parti variate rispetto alla versione precedente.

A lato si potranno invece scaricare tutte le FAQ di Enea sul 55% aggiornate in data 26 gennaio 2011.


43. D - Ho iniziato dei lavori di riqualificazione energetica lo scorso anno per i quali ho già versato un acconto all'avvio dei lavori. Ora sto completandoli e dovrò pagare il saldo e le spese professionali. A quale normativa devo fare riferimento, a quella vigente all'inizio lavori o a quella attuale? E con la denuncia dei redditi di quest'anno posso incominciare a detrarre il 55% di quanto ho pagato? E devo considerare solo quello che ho pagato l'anno scorso o posso portare in detrazione anche il saldo di quest'anno?

R - Il "decreto edifici", come modificato dal DM 7/4/08, ha precisato che:
- occorre far riferimento ai parametri tecnici validi alla data di inizio lavori (art. 11bis); tuttavia, per quanto riguarda le modalità di invio, si ritiene che occorrerà seguire la normativa vigente alla data di fine lavori (art. 4 c. 1-bis);
- solo quanto pagato lo scorso anno potrà iniziare ad essere portato in detrazione al 55% con la denuncia dei redditi di quest'anno, valendo il criterio di cassa, a condizione di attestare che i lavori non sono ultimati (art. 4 c. 1-quater): si ritiene, tuttavia, che tale attestazione possa essere sostituita dalla comunicazione telematica all'AdE di cui alla faq 52, quando necessaria;
- coloro che hanno completato un intervento quest'anno avranno 90 giorni dal termine dei lavori per inviare la documentazione secondo le modalità di cui alla faq 2 e comunque - secondo il punto 3 della risoluzione 244/E dell'11/9/07 dell'Agenzia delle Entrate, disponibile sul nostro sito - potrà sempre essere possibile considerare la decorrenza dei termini dalla data di collaudo dei lavori.

Parole chiave

commenti (0)

Per lasciare un commento registrati a GuidaFinestra.it. Se sei già un utente effettua il login.

Per recuperare la password Recupera password
guidafinestra.it is a trademark of DBInformation Spa P.IVA 09293820156
Questo sito è un prodotto editoriale aggiornato in modo non periodico, pertanto non è soggetto agli obblighi di registrazione di cui all'art. 5 della L. 47/1948