#Infissicelafaremo

DPI anti Covid-19. Bando per rimborso a fondo perduto

E’ stato lanciato da Invitalia nell’ambito del programma Impresa Sicura. Le imprese che hanno acquistato DPI possono richiedere un rimborso a fondo perduto fino ad un massimo di 500 € per ogni dipendente. Poco tempo a disposizione

I DPI costano e sono necessari per le attività di impresa. A fine aprile è stato lanciato da Invitalia il bando per il rimborso a fondo perduto delle spese sostenute dalle aziende per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale finalizzati al contenimento e il contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid-19. Ce lo segnala il dott. Filippo Macigni, esperto in Fondi Europei e Finanza Agevolata, qui il suo sito, che sottolinea l’imminenza della scadenza.

Infatti, il bando scade l’11 maggio. Restano quindi solo pochi giorni di tempo per tentare di ottenere il rimborso visto che il plafond messo a disposizione da Inail per Invitalia è di 50 milioni di euro.
Il tutto avviene nell’ambito del programma Impresa SIcura, il bando attivato da Invitalia che punta a sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese di qualunque dimensione, operanti in Italia.

Il bando consente di ottenere il rimborso delle spese sostenute dalle aziende per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale finalizzati al contenimento e il contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid-19.

I DPI previsti sono: mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3; guanti in lattice, in vinile e in nitrile; dispositivi per protezione oculare; indumenti di protezione quali tute e/o camici; calzari e/o sovrascarpe; cuffie e/o copricapi; dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea; detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici.

Le imprese che hanno acquistato questi DPI nel periodo 17/03-11/05/2020 possono richiedere un fondo perduto fino ad un massimo di 500 € per ogni dipendente.

Il bando deriva dall’articolo 43 comma 1 del decreto #CuraItalia del 17 marzo. In quell’articolo era previsto che “allo scopo di sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese, a seguito dell’emergenza sanitaria coronavirus, l’INAIL provvede entro il 30 aprile 2020 a trasferire ad Invitalia l’importo di 50 milioni di euro da erogare alle imprese per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale”.

Finalmente l’Inail ha dato ad Invitalia i 50 milioni di euro per pubblicare il bando lasciando però alle aziende solo pochi giorni di tempo!

a cura di Ennio Braicovich

production mode