Normativa

Serramenti e chiusure motorizzati: non sono soggetti al DM 37/2008, diceva il MISE nel 2008

Una mail dell’ing. Vincenzo Correggia del 2008 smentisce quanto affermato dallo stesso MISE nel 2012 nel Parere alla Camera di Commercio di Alessandria sulle tende da sole motorizzate

C’è bufera nel settore dei serramenti/chiusure/schermi motorizzati. A provocarlo è un documento che gira in rete, da noi pubblicato ieri, e che riporta il Parere del Ministero dello Sviluppo economico alla Camera di Commercio di Alessandria che chiedeva se le tende da sole motorizzate fossero soggette al DM 37/2008 sugli impianti elettrici (vedi news). Il Parere è stato anche introdotto in una pubblicazione del MISE del dicembre 2012 qui allegata e intitolata Raccolta Pareri Impiantisti MISE.

In sostanza il Ministero nel 2012 dice che bisogna rispettare il DM 37/2008 che riguarda gli impianti elettrici interni degli edifici.

Abbiamo chiesto un parere a uno dei maggiori esperti nazionali e europei  in materia di normativa sui serramenti motorizzati Roberto Franza  che interviene (vedi news) citando la risposta chiarificatrice dell’ing. Vincenzo Correggia,  dirigente del Ministero nel 2008.

In breve: la risposta, spiega Correggia, è contenuta nello stesso art. 1 del DM 37/2008 al comma 3 che recita:
“3. Gli impianti o parti di impianto che sono soggetti a requisiti di sicurezza prescritti in attuazione della normativa comunitaria, ovvero di normativa specifica, non sono disciplinati, per tali aspetti, dalle disposizioni del presente decreto”.

Cancelli, porte, portoni, porte, finestre, tende, schermature e schermi motorizzati sono ampiamente coperti sotto l’aspetto sicurezza dal Regolamento Prodotti da Costruzione, da un ampio set di normative specifiche e dalle Direttive Macchine, Bassa Tensione, Compatibilità Elettromagnetica senza dimenticare la RTTE, ora RED, che regola i comandi via radio. Ci pare che l’estensore del Parere 1.10 si sia fermato al comma 2 mentre avrebbe potuto scendere di un gradino fino al comma 3 dell’art. 1 del DM 37/2008.

Parere contro Parere, saremmo di fronte a una patta.  Ci sembra però che il Parere dell’ing. Correggia sia meglio formulato e di un valore un tantino superiore a quello dell’ignoto estensore del Parere 1.10 sulle tende da sole motorizzate.

Qui sotto lo scambio di mail tra il direttore di Nuova Finestra e l’ing. Correggia del MISE.


Messaggio originale
LA RISPOSTA DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Da: CORREGGIA VINCENZO [mailto:vincenzo.correggia@sviluppoeconomico.gov.it]
Inviato: giovedì 23 ottobre 2008 13.38 A: Braicovich Ennio

Oggetto: R: Richiesta di Parere su DM 37/2008 e “gli impianti per l’automazione di porte, cancelli e barriere”

Egregio dottor Braicovich,
la ringrazio della domanda e soprattutto la ringrazio per poter dare alla risposta una diffusione per il tramite del giornale che Lei dirige.
L’interpretazione che Lei ha dato è giusta nel senso che i prodotti citati nella sua nota sono disciplinati, per gli aspetti di sicurezza, dalle direttive richiamate e pertanto esse costituiscono lex specialis ai sensi dell’art. 1 comma 3 del DM di cui all’oggetto.
Tanto sopra premesso, si concorda con l’interpretazione data circa la non assoggettabilità dei prodotti de quo, marcati CE, al Dm n. 37 del 22 gennaio 2008, per gli aspetti di sicurezza coperti dalle direttive pertinenti (Diretti¬va Macchine; Direttiva Prodotti da Costruzione Direttiva Bassa Tensione, Direttiva Compatibilità Elettromagneti¬ca) così come sono del tutto condivisibili le aree di competenza da Lei tracciate al punto 2 della sua richiesta.
Nello sperare che tale risposta possa costituire elemento chiarificatore per i suoi lettori, si saluta cordialmente
Ing. Vincenzo Correggia
MiSE – DGVNT – Uff. VII – Normativa Tecnica
Tel :0039 06 4705 5+30 – 5373 (Segr. Tel.)
port :328 0298728 339 8458389
Fax :0039 06 4821702
email vincenzo.correggia@sviluppoeconomico.gov.it


LA NOSTRA DOMANDA
Da: Braicovich, Ennio [mailto:ennio.braicovich@reedbusiness.it]
Inviato: giovedì 23 ottobre 2008 11.47 A: Vincenzo.correggia®sviluppoeconomico.gov.it
Oggetto: Richiesta di Parere su DM 37/2008 e “gli impianti per l’automazione di porte, cancelli e barriere”
All’attenzione dell’Ing. Vincenzo Correggia/Ministero dello Sviluppo Economico
Ogg.: Parere su DM 37/2008 e “gli impianti per l’automazione di porte, cancelli e barriere”

Gentile Ingegner Correggia,

dall’apparire del Dm 37/2008 stiamo ricevendo continuamente  richieste di chiarimenti da parte di lettori installatori di tali impianti. Sull’argomento in oggetto ci rivolgiamo a Lei quale esperto per un chiarimento in merito.

In via preliminare mi permetto di ricordare che il settore delle porte, portoni e cancelli automatici è già regola¬mentato da quattro Direttive comunitarie:
-Macchine
-Direttiva Prodotti da Costruzione -Bassa Tensione -Compatibilità Elettromagnetica
A queste occorre aggiungere la Direttiva RTTE sui telecomandi che spesso sono associati a tali impianti.

La nostra interpretazione (e di quella di una parte consistente dell’industria e dell’artigianato) è che le porte auto¬matiche e gli altri serramenti automatizzati come i portoni, i cancelli, le barriere sono “macchine” e come tali il loro regime è governato dalla Direttiva Macchine, nonché dalle Direttive Prodotti da Costruzione, Bassa Tensione e Compatibilità Elettromagnetica.
A nostro avviso, la linea di separazione tra le competenze dell’impiantista elettrico e del produttore/costruttore del serramento automatizzato è rappresentata dal punto di alimentazione o dal quadro comando di alimentazione.

Sempre secondo la nostra interpretazione:
1- a monte del quadro elettrico, comanda il DM 37/08 (ex 46/90);
2- a valle del quadro elettrico, ovvero dalla presa di tensione dedicata alla macchina verso la stessa, comanda la Direttiva Macchine e quindi la relativa parte di impianto, in quanto “impianto di bordo macchina” deve sottostare esclusivamente ai dettami della D.M. e norme di prodotto ad essa sottese e le altre Direttive prima citate.

Lo scrivente chiede se tali nostre interpretazioni siano corrette. Un chiarimento definitivo, alla luce della attuale normativa legale e tecnica, è di estrema importanza per il settore. L’eventuale Sua risposta verrà pubblicata sulle nostre testate Nuova FINESTRA e Giornale dell’Installatore Elettrico.

In attesa di un cenno di risposta in merito, porgo distinti saluti
Ennio Braicovich
Direttore editoriale
Divisione Building
Reed Business Information
Day by day www.guidafinestra.it<http://www.guidafinestra.it/

Documenti Allegati

MISE-CORREGGIA-BRAICOVICH-AUTOMAZIONI-200810251630.pdf

RaccoltapareriImpiantisti-MISE.pdf