EPD, due norme per serramenti e vetri

Si tratta di una norma europea, la EN 17213:2020 per finestre e porte, e del recepimento italiano della EN 17074 per i vetri.

Le norme sugli EPD, Environmental Product Declarations, ovvero dichiarazioni ambientali di prodotto, fanno un bel passo avanti grazie all’arrivo a fine marzo di un paio di norme. Esse potranno essere utili a chi lavora sugli appalti pubblici soggetti ai CAM-Criteri Ambientali Minimi e nei progetti che verranno sottoposti ad una certificazione dell’edificio secondo uno dei protocolli di sostenibilità energetica ed ambientale degli edifici di livello nazionale o internazionale come Breeam, Casaclima, Itaca, Leed, Well.

L’EPD, in estrema sintesi, è un documento che contiene informazioni oggettive, confrontabili e credibili relativamente a un prodotto ottenute mediante l’analisi del ciclo di vita (LCA) secondo gli standard della norma internazionale ISO 14040. L’ EPD nasce dalla redazione dei seguenti documenti: LCA, l’analisi del ciclo di vita, i requisiti specifici di prodotto (Product Category Rules, PCR), e la dichiarazione ambientale che nasce dalla verifica di un ente terzo indipendente.

La UNI EN 17074:2019 ha per titolo “Vetri per edilizia – Dichiarazione ambientale di prodotto – Regole che disciplinano le categorie di prodotti in vetro piano”. Essa copre tutte le fasi del ciclo di vita dei prodotti di vetro utilizzati in edilizia. A fine marzo è stata pubblicata in lingua italiana e viene venduta a 72€, salvo sconti, da Uni. La versione inglese è di dicembre e porta il prezzo di 55€.

Dal CEN, Comitato europeo di normazione, arriva la norma EN 17213:2020 Windows and doors – Environmental Product Declarations – Product category rules for windows and pedestrian doorsets. Essa fissa i PRC, i requisiti specifici di prodotto per le dichiarazioni ambientali di tipo III per le finestre e le porte pedonali come specificate dalle norme EN 14351-1 e EN 14351-2. La norma copre anche finestre e porte pedonali resistenti al fuoco e/o a tenuta di fumi. I PCR sono importanti in quanto fissano le regole necessarie per rendere confrontabili gli studi LCA e gli EPD riferiti a prodotti di una stessa categoria.

La EN 17213:2020 copre anche finestre dotate di schermi oscuranti e/o cassonetti e/o tende esterne.

Questo documento, precisa il CEN, va letto congiuntamente con la norma EN 15804:2012+A1:2013 che non sostituisce.

Chi volesse ulteriori notizie sui CAM per gli appalti pubblici e i serramenti può cliccare qui

a cura di Ennio Braicovich

production mode