Blog

UNI 11673_4. Tisi: che cosa cambia con la norma?

L’esperto ing. Giovanni Tisi riflette sulle implicazioni della nuova norma che chiude il ciclo delle UNI 11673

UNI ha pubblicato la UNI 11673_4, la quarta e ultima parte della serie UNI 11673 Posa in opera di serramenti – Parte 4: Requisiti e criteri di verifica dell’esecuzione (vedi news). Qui l’ing. Giovanni Tisi riflette su quanto implica la nuova norma. L’intero articolo appare sul prossimo numero di Nuova Finestra.


UNI 11673_4 ….ogni tanto si controlla

Con la pubblicazione di questa norma UNI 11673_4 si completa il panorama relativo alla posa in opera dei serramenti. A questo  punto, si attende solo il Decreto del Presidente della Repubblica per diventare qualcosa più che uno schema di riferimento.
I metodi di prova che vengono indicati per ciascuna prestazione sono utilissime precisazioni metodologiche e adattamenti alla situazione di cantiere di sequenze di test già ampiamente collaudate in laboratorio e vanno a colmare una evidente lacuna che spesso rende difficoltoso il processo di determinazione delle cause delle non conformità in sede di contenzioso.

Prestazioni e prove

Certo, alcune prestazioni appaiono abbastanza critiche (la permeabilità all’aria come esempio su tutte), e, sperabilmente, non tutte le prove verranno messe in tutti i capitolati (la tenuta meccanica per esempio), ma una guida precisa alla esecuzione delle prove in cantiere per verificare se davvero quanto progettato è poi stato messo in opera era quantomai necessaria.

Non è richiamato dalla norma UNI 11673_4, e non potrebbe esserlo, un principio però fondamentale: poiché l’esecuzione della posa in opera non potrà mai significativamente risolvere eventuali errori commessi nella progettazione della stessa, ogni verifica in opera deve confrontare le prestazioni che si vanno a misurare con quelle che erano le prestazioni previste o prevedibili sulla scorta del progetto.

Diversamente si rischia di imputare alla scorretta posa i ponti termici non risolti in sede di progetto, di addebitare al posatore la mancanza di prestazioni acustiche non previste in sede di progetto, di pretendere dai fissaggi meccanici tenacità incompatibili con i materiali edili impiegati per le pareti.

ing. Giovanni Tisi, GieffeTi Studio

a cura di Ennio Braicovich

production mode