Normativa

Circolare di chiarimenti dei VFF sul Decreto Controlli

Il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Ministero dell’Interno ha emanato una Circolare di chiarimenti di 52 pagine sul Decreto Controlli. Riguarda i criteri per il controllo e la manutenzione di impianti, attrezzature ed altri sistemi di sicurezza antincendio e fissa le procedure generali per qualificare i tecnici manutentori. Anche quelli di porte tagliafuoco e porte sulle vie di fuga

Fra meno un anno di tempo entrerà in vigore il cosiddetto Decreto Controlli (vedi qui). E’ il DM 1° settembre 2021 recante “Criteri generali per il controllo e la manutenzione degli impianti, attrezzature ed altri sistemi di sicurezza antincendio, ai sensi dell’articolo 46, comma 3, lettera a) punto 3, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81”.

Grazie al provvedimento del Ministero dell’Interno il Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco assume il controllo diretto della qualificazione del Tecnico manutentore antincendio rilasciando l’apposita attestazione. Il Decreto rende obbligatoria la qualificazione dei manutentori degli impianti antincendio e introduce la figura del Tecnico Manutentore Qualificato. E riguarda direttamente i manutentori, anche se già certificati sotto Accredia, di porte antincendio e di porte sulle vie di fuga.

Circolare di chiarimenti

Il Decreto Controlli ha reso necessaria la pubblicazione di una corposa e dettagliata Circolare di chiarimenti di 52 pagine firmata dal Capo del CNVVF Parisi. Il documento si compone di 5 pagine introduttive e di tre appendici (Allegati) recanti:

  1. Caratteristiche dei docenti e dei centri di formazione
  2. Programmi dei corsi di manutenzione sui presidi antincendio
  3. Modello per la richiesta di ammissione all’esame di idoneità per il conseguimento della qualifica di manutentore qualificato.

Docenti e formazione

Nell’Appendice I, incentrata sulle caratteristiche dei docenti e dei centri di formazione, si trattano gli argomenti:

Requisiti dei docenti

-Aggiornamento dei docenti

-Abilitazione dei docenti

Individuazione dei soggetti formatori

-Requisiti di natura generale: idoneità dell’area e disponibilità delle attrezzature

-Formazione a distanza in modalità videoconferenza sincrona

Elenco delle attrezzature necessarie per i soggetti formatori e le sedi di esame

Individuazione dei requisiti delle sedi oggetto di esame di qualifica

-Riconoscimento dei requisiti per le sedi di esame

-Organizzazione degli esami.

Esame di idoneità

Gli aspiranti tecnici manutentori qualificati dovranno sostenere l’esame di idoneità per la valutazione dei requisiti in funzione delle conoscenze, delle abilità e competenze acquisite. La Circolare di chiarimenti distingue tre casi:

-Caso 1: richiesta di esame completo a seguito di frequenza di corso di formazione;

-Caso 2: richiesta di esame completo ai sensi del paragrafo 4 comma 4 dell’allegato ii al decreto;

-Caso 3: richiesta di esame ridotto ai sensi paragrafo 4 comma 4 dell’allegato ii del decreto (solo valutazione del curriculum e prova orale).

Per i soggetti certificati sotto Accredia

L’ultimo caso, il Caso 3, riguarda gli operatori certificati ex UNI 11473 sotto Accredia, quindi soggetti che hanno già sostenuto un esame di certificazione nell’ambito volontario.  Se essi si sono certificati prima dell’entrata in vigore del Decreto Controlli, saranno sottoposti alla sola prova orale. Un’agevolazione che è stata richiesta dalle associazioni di settore, in particolare da Acmi.

La formazione dei futuri manutentori

Ad essa è dedicata l’Appendice II della Circolare. Essa è intitolata “Programmi corsi manutenzione presidi”. In 28 pagine l’Appendice II riporta i tredici presidi anticendio e gli specifici corsi di formazione teorica e pratica. Il terzo dei presidi riporta le Porte resistenti al fuoco (porte tagliafuoco). Per esse sono previsti un corso di 8 ore di formazione torica e uno di 4 di formazione pratica (clicca qui). Da segnalare che il corso deve prevedere spazio per le chiusure su vie di esodo e per quelle a tenuta di fumo.

(continua)

 

a cura di Ennio Braicovich

production mode