Normativa

Tende tagliafuoco già marcabili CE secondo EN 16034 e EN 13241

Lo conferma il Gruppo SG 06 "Porte e finestre" del GNB-Group of Notified Bodies, gruppo degli enti notificati ai sensi della CPR n. 305/2011

Le tende tagliafuoco sono già marcabili CE secondo EN 16034 e EN 13241. Lo ha confermato la recente riunione del Gruppo SG 06 “Porte e finestre”, gruppo di lavoro creato nell’ambito dell’Advisory Group del GNB-Group of Notified Bodies, gruppo degli enti notificati, organismo consultivo creato per favorire l’applicazione coerente del CPR-Regolamento Prodotti da costruzione n. 305/2011. Il Gruppo SG 06, che è presieduto da quasi due anni da Paolo Monticelli, responsabile della marcatura CE dei prodotti da costruzione del CSI-IMQ di Bollate (MI), ha lo scopo di trovare un’interpretazione comune ai dubbi che sorgono nell’applicazione delle norme armonizzate e di prova.

Il tema della natura delle tende tagliafuoco ogni tanto emerge su queste pagine con dibattiti anche vivaci. Del resto per l’Italia si tratta di prodotti sostanzialmente nuovi (ma in crescita), poco conosciuti, anche dalle nostre autorità. La normativa europea non è troppo chiara in materia. Il dibattito è aperto anche a livello europeo dove alcuni esperti, soprattutto britannici, hanno sollevato l’obiezione secondo cui il prodotto tenda tagliafuoco non possa essere marcato CE secondo EN 16034 in quanto non rientra né nella EN 13241, né nella EN 14351-1 (e in futuro nemmeno nella EN 14351-2, quando sarà armonizzata).

La decisione dell’SG06 è che il prodotto rientra invece all’interno della EN 13241, in quanto assimilabile nella movimentazione ad una porta rapida, ma con un manto resistente al fuoco, come sostenuto da Monticelli.

Secondo il Segretariato tecnico della CPR-Regolamento Prodotti da Costruzione n. 305/2011 per valutare se un prodotto rientra nel campo di applicazione di una norma bisogna verificare i seguenti tre requisiti:
– Il prodotto deve essere compreso dalla descrizione contenuta nel campo di applicazione;
– Il prodotto non deve essere espressamente escluso;
– Il prodotto deve essere coperto dalle norme di prodotto contemplate dalla norma armonizzata.

Paolo Monticelli, CSI
Paolo Monticelli, CSI

Le tende tagliafuoco – spiega il chairman dell’SG06 – rispondono a tutti e 3 i requisiti. Infatti sono coperte dalla EN 13241 (ed espressamente dalla EN 16034) in quanto sono prodotti per il prevalente passaggio di mezzi e merci. Non sono espressamente escluse e sono coperte dalla norma di prova EN 1634-1. Evito di commentare la fesseria di chi le ha assimilate ai sipari teatrali”.

E’ noto che dal 1° novembre 2016 è possibile la marcatura CE delle porte tagliafuoco secondo la norma EN 16034 ma limitatamente alle porte pedonali esterne, ai sensi della norma EN 14351-1, ai portoni industriali e da garage, ai sensi della norma EN 13241-1, ed alle porte pedonali motorizzate, ai sensi della norma EN 16361. Dal 1° novembre di quest’anno la marcatura CE diventerà obbligatoria (salvo proroghe).

Nella stessa direzione va anche la normativa europea. Qualche mese fa era stata pubblicata da UNI la EN 15269-11:2018 “Applicazione estesa dei risultati di prove di resistenza al fuoco e/o controllo della dispersione del fumo per porte, sistemi di chiusura e finestre apribili e loro componenti costruttivi – Parte 11: Resistenza al fuoco di tende in tessuto manovrabili”. Il che aveva dato modo all’ing. Gianrico Delfino, responsabile tecnico e normativo del settore tagliafuoco di ACMI (vedi news) di intervenire in merito sostenendo per l’appunto la marcabilità CE delle tende tagliafuoco secondo EN 13241-1 e EN 16034.
(eb)

Foto: tende tagliafuoco doc. Wassermann

production mode